Questa è la domanda che tutte le persone con amici a quattro zampe si pongono all’arrivo dell’estate.

Ci sono contesti in cui non è possibile portare il proprio cane con sé e allora bisogna trovare una soluzione: qualsiasi sia la scelta che attueremo, per il cane sarà sempre un grande cambiamento.
In primo luogo noi non ci saremo. Il forte legame che ci unisce a loro non è unilaterale, anzi! Forse, per loro, è ancora più complesso separarsi da noi, che siamo il fulcro delle loro giornate e della loro sfera affettiva. Separarsi da noi vuol dire molto spesso anche cambiare l’ambiente in cui loro vivono e perdere così oltre che i riferimenti affettivi anche quelli spaziali. Siamo portati a sottovalutare l’impatto di questo cambiamento così radicale e tendiamo a non assicurarci che il cane sia realmente pronto a d un tale sconvolgimento. Certo, ogni animale è un mondo a sé, e quindi ogni singolo cane lo affronterà a modo suo, ma la maggior parte dei cani non sono allenati ai cambiamenti. Sono abituati a vivere in un solo contesto e sempre con le stesse persone. In questo caso, si perde in un solo momento entrambi. È davvero un’esperienza difficile da affrontare.

Cosa si può fare per aiutare i nostri animali a vivere meglio questo momento di separazione?

Prima di tutto è importante valutare la struttura che ospiterà il nostro cane: se un cane non è abituato a stare con gli altri cani ed è sempre vissuto in casa, potrebbe essere d’aiuto riproporre lo stesso setting, ovvero cercare una pensione domestica in cui non ci siano troppi cani, e dove il nostro cane possa stare a contatto con la famiglia ospitante.
Se il nostro cane è invece abituato ad avere a che fare con gli altri cani ed è felice di farlo, potrebbe essere una buona idea cercare una pensione in cui possa trascorrere la giornata in compagnia di altri cani, chiaramente precedentemente selezionati, con cui ci sia il giusto feeling.
Sicuramente, è importante evitare tutte quelle situazioni in cui il cane vive per molte ore al giorno all’interno di gabbie. Non importa se in questi box ci siano anche altri cani, lo spazio vitale e comunque ridotto e il disagio è molto elevato.

Un ulteriore aiuto molto efficace è l’utilizzo dei fiori di Bach. Lavorando sulle specifiche emozioni che ogni cane prova durante il periodo di separazione, è possibile alleviare la malinconia, la tristezza, o la difficoltà di vivere un cambiamento, trasformando un’esperienza potenzialmente traumatica in una vera e propria vacanza. Come abbiamo detto all’inizio dell’articolo, perdere i riferimenti è un momento difficile da affrontare, e i fiori di Bach aiutano a trascorrerlo serenamente.

Vuoi aiutare il tuo cane durante questo periodo di separazione?
Richiedi una consulenza personalizzata.