Fiori di Bach e animali: che vuol dire?



Avete in mente quella meravigliosa sensazione di stare facendo esattamente ciò che desiderate?

Vi è mai successo di essere così presi dal fare qualcosa che vi piace da risultarvi incredibilmente semplice?

Ecco, in questi momenti beati ci troviamo nel flusso. Ovvero, siamo perfettamente inseriti nella nostra biografia, stiamo ascoltando noi stessi, lavoriamo per la nostra felicità e di conseguenza per quella degli altri. Siamo perfettamente centrati.

Tutto è estremamente semplice, siamo di buon umore e gli ostacoli di tutti i giorni sono solo delle piccole sfide che ci spronano a fare meglio.

Quando viviamo questi stati di pace, per dirlo con le parole del dottor Bach, il nostro” Sé Spirituale” e la nostra “Personalità” sono allineati.

Per Bach, il ”Sé Spirituale” è la voce interiore, il nostro navigatore personalizzato che ci indica la direzione verso la serenità, quell’istinto che dice “non andare là, quello non ti renderà felice!”.

La “Personalità” invece, è il compromesso tra ciò che realmente siamo e ciò che diventiamo. E’ il risultato dell’adattamento al mondo che ci circonda, la mediazione tra i nostri desideri e i condizionamenti esterni, le regole sociali ed educative.

Quando il Sé Spirituale” e la “Personalità” sono distanti tra loro e quindi ci troviamo a vivere situazioni e relazioni che non combaciano con i nostri desideri e l’idea alta che abbiamo di noi stessi, è lì che diventiamo infelici.

Quanti di noi hanno dovuto mediare molto tra loro stessi e la realtà che li circonda? Quanti di noi hanno dovuto abbandonare i propri sogni per qualcosa di socialmente accettabile?

Secondo il Dottor Bach, questo accade perché permettiamo agli altri di interferire con le nostre decisioni, instillando nella nostra mente paure e dubbi.

La verità non ha bisogno di essere analizzata, discussa o avviluppata con tante parole. È riconosciuta in un lampo, fa parte di te. (…) Le cose che contano sono semplici, sono quelle che ti fanno dire: <<Ma questo è vero, mi sembra di averlo sempre saputo>>; così è anche la realizzazione della felicità che ci viene quando siamo in armonia con il nostro sé spirituale; tanto più siamo vicini all’anima, tanto più è intensa la gioia.” E. Bach – Libera te stesso

 

In genere si arriva ad utilizzare i fiori di Bach quando il disagio è talmente grande da portarci a reagire, a spingerci verso una risoluzione che sentiamo necessaria. Chi si rivolge a questi rimedi, in realtà sta chiedendo un aiuto per far riemergere il “Sé Spirituale” e ritornare sul suo cammino di vita. Ha bisogno di liberarsi di emozioni che non gli appartengono, di esprimere la sua creatività ed urlare la sua gioia di vivere.

L’emozione negativa, il disagio, è solo un campanello d’allarme per indicarci che c’è troppa distanza tra noi stessi e ciò che stiamo costruendo.

I fiori di Bach permettono la riemersione di ciò che davvero siamo e ci fanno riscoprire l’innato coraggio che alberga in ognuno di noi, spingendoci a trasformare l’idea della “cosa giusta da fare” in concrete azioni quotidiane.

Vi lancio una sfida: riuscite ad immaginare come si può applicare questa visione al mondo degli animali? Come può tutto questo diventare la base di aiuto per i nostri amici? Scrivetelo nei commenti!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *