Fiori di Bach: una opportunità per me o per il mio cane?



Chiunque lavori per la risoluzione di problemi comportamentali negli animali sa quanto sia importante la felicità e la soddisfazione del proprietario.

Capire perché non è difficile: pensate a una vostra “giornata si”. Quella in cui splende il sole, voi siete innamorati. Sentite la felicità trasudare da ogni vostro poro. Siete contenti, vi sentite leggeri. Come vi comporterete con il vostro cane? Lo chiamerete in modo allegro per agganciargli la pettorina, lo accarezzerete di più e gli darete un bacino. Lo porterete a spasso sorridendo e essendo pazienti quando loro vorranno annusare la millesima pipì a terra. Vi divertirete a vederlo giocare con un altro cane.

Ora immaginate alla vostra “giornata no”. Quella in cui avete litigato a lavoro e sapete che domani dovrete tornarci. In più, si è rotto il frigo e il congelatore inizia a perdere acqua. Come chiamerete il cane? Con fare nervoso, gli infilerete la pettorina,  arrabbiandovi se la zampa destra finisce nella fettuccia sinistra.  Lo strattonerete in malo modo e alla seconda pipì che annusa lo tirerete via con nervosismo. Probabilmente, il proprietario del cane con cui il vostro sta giocando vi dirà qualcosa che vi farà innervosire.

Notate qualche differenza tra la giornata si e quella no? Queste sono estremizzazioni, ma giurerei che in molti casi rappresentano la realtà.

Il modo in cui ci poniamo condiziona la loro qualità di vita. E’ con noi che passano la maggior parte del tempo e siamo noi a gestire le loro “ore d’aria”.

Secondo voi, dopo questo piccolo esempio, quanto è importante che il proprietario sia sereno nell’ambito della risoluzione dei problemi emotivi del cane?

Se io ho paura del cane, quanto inciderà questo sul mio cane? Se ogni volta che incontro un altro cane tiro a me il mio e accelero, dicendo “andiamo andiamo” e iniziando anche a tremicchiare con la voce, quanto questo influenzerà il cane? E se all’area cani ogni volta che il mio cane va ad annusare un altro cane, io lo richiamo con fare allarmato, quanto questo inciderà sulla sua socializzazione?

I fiori di Bach sono il ottimo esempio di opportunità di crescita: posso usarli per “aggiustare il mio cane” o per crescere come persona e migliorare la qualità della mia vita emozionale, avvicinandomi alla felicità e alla serenità, portando in questo meraviglioso viaggio anche il mio cane con le sue stesse emozioni.

Non vi nascondo che a volte, per risolvere i problemi del cane, consiglio un mix di fiori di Bach solo per il proprietario!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *