La verità sul Rescue Remedy nel cane



Il Rescue Remedy è il rimedio più conosciuto tra i fiori di Bach. È talmente tanto famoso da aver portato molte persone a pensare che i fiori di Bach siano il Rescue Remedy, quando invece è solo uno dei 39 rimedi che il dottor Bach ha scoperto.

Deve la sua popolarità alla sua efficacia immediata. È stato creato per avere una azione veloce e quindi i suoi benefici sono facilmente riscontrabili.

Come suggerisce il nome, è un rimedio di emergenza, ovvero si utilizza in situazioni straordinarie in cui i nostri cani sono sopraffatti dalle emozioni (ad esempio quando hanno subito un incidente e sono molto spaventati, per supportarli nel risveglio dall’anestesia, se hanno perso un compagno di vita, ecc).

Nonostante sia molto conosciuto ed utilizzato per la sua azione ad ampio spettro, non è adatto ad ogni tipo di situazione. Se il mio cane ad esempio soffre di ansia da separazione, è depresso, è iperattivo, territoriale o possessivo, il Rescue Remedy non avrà alcun tipo di effetto perché all’interno della sua composizione non è presente alcun rimedio per queste specifiche emozioni.

Capita quindi, che il Rescue Remedy non funzioni. Semplicemente perché non è il fiore di Bach idoneo per quella data situazione.

Ma c’è anche un altro aspetto molto importante da conoscere di questa essenza floreale.

Vi faccio un esempio. Facciamo conto che Bulla, la mia cagnolina, sia terrorizzata dai rumori improvvisi.

Immaginiamo che, accidentalmente, mi scivoli qualcosa da mano che faccia un gran baccano.

La sequenza per la piccola Bulla sarà:

STIMOLO SPAVENTOSO -> TERRORE -> RESCUE REMEDY -> SI TORNA ALLA CALMA

Ogni volta che accadrà un evento simile, potrò aiutarla a ritornare in sé e rasserenarsi con il supporto del Rescue Remedy, ma non starò facendo nulla per aiutarla a risolvere realmente e definitivamente il suo problema.

Starò usando questo rimedio come un tappo per contenere una emozione che però, se il caso si ripropone, sarà pronta ad esplodere nuovamente.

 

Prediamo di nuovo ad esempio il caso di Bulla. Se si scelgono i rimedi giusti, la sequenza emotiva sarà:

ASSUNZONE DEI RIMEDI SPECIFICI -> STIMOLO DESTABILIZZANTE -> GRADUALE DIMINUZIONE DELLE REAZIONI

Nel tempo, la situazione che crea disagio verrà affrontata con un nuovo atteggiamento, fino a quando non creerà più destabilizzazione e Bulla vivrà serenamente i momenti in cui c’è un rumore forte.

Se il nostro cane ha spesso bisogno del Rescue Remedy, vuol dire che ci stiamo limitando ad aiutarlo a vivere meglio una crisi ma non lo stiamo supportando per vincere le sue difficoltà ed assicurargli quindi una vita serena.

Il vero beneficio del Rescue Remedy è quello di aiutarlo nel momento di crisi per essere poi dimenticato nel mobiletto perché le crisi non sussistono più grazie all’utilizzo dei rimedi specifici che migliorano della qualità di vita del nostro cane.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *