Riabilitazione comportamentale Pitbull ex combattenti



Questo interessante articolo di Alexa Capra (http://www.gentleteam.it/ricerca-scie…/progetto-enpa-pitbull) racconta di uno studio effettuato su 40 Pitbull ex combattenti. L’obiettivo era studiare un loro possibile recupero comportamentale allo scopo di adozione. Sono stati comparate le reazioni dei Pitbull combattenti rispetto a quelli non-combattenti (chiamati gruppo di controllo), ponendoli di fronte a tre diverse situazioni:
– Confronto con persona sconosciuta
– Confronto con un cane sconosciuto
– Confronto con una bambola.

Dai risultati emerge che nei confronti di una persona sconosciuta, non ci sono state differenze in termini di risposta comportamentale tra i Pitbull ex-combattenti ed il gruppo di controllo.
Nel test con una bambola, i pitbull ex combattenti hanno mostrato un comportamento di massima aggressività verso la bambola, mentre il gruppo di controllo non ha avuto alcuna reazione, né in termini di paura né in termini di comportamento sociale.
Nel test con cani sconosciuti, i maschi ex combattenti hanno mostrato una buona aggressività, mentre le femmine una aggressività di minor livello, laddove nel gruppo di controllo non sono stati osservati comportamenti aggressivi. In generale comunque, le femmine risultano meno aggressive dei maschi.
Durante un lungo percorso di riabilitazione comportamentale, diviso in diverse fasi, molti dei pitbull ex-combattenti sono stati recuperati e adottati.
Da questo studio emerge l’importanza dell’ambiente (inteso come tutto ciò che circonda il cane, dalla presenza o assenza di affetto, la qualità delle esperienze e delle relazioni, il luogo in cui vive, ecc) sullo sviluppo del comportamento del cane e mette in risalto la forte tendenza alla docilità dei Pitbull nei confronti delle persone.
Decisamente una storia a lieto fine.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *