Aggressivita’ rediretta



L’aggressivita’ rediretta è una forma di aggressivita singolare perché deriva da una forte frustrazione.

Quando un cane vuole fare qualcosa e non può farlo, morde ciò che gli è spazialmente più vicino.

Può accadere che se decido di non far incontrare il mio cane, tenuto al guinzaglio, con il cane del signore al marciapiede di fronte, nel caso in cui la tensione aumenti, il mio cane se la prenda con la mia gamba come gesto di frustrazione.

Oppure due cani che inseguono un gatto che si nasconde dietro una rete. Uno dei due cani, per frustrazione, può mordere l’altro cane.

È un gesto che non ha nulla a che fare con la vittima ma rientra nella aggressivita’ perché chi ne subisce gli effetti viene davvero aggredito.

I fiori di Bach aiutano anche in questo caso. Grazie all’effetto dei fiori il cane manifesterà la sua frustrazione in un altro modo. E’ importante notare che non viene soffocato la comunicazione del disagio ma solo espressa in modo alternativo.

In basso trovate di aggressivita’ rediretta (verso la pallina) nell’ambito della predazione.



Una replica a “Aggressivita’ rediretta”

  1. Ottimo articolo, grazie per i consigli 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *