La verità sul Rescue Remedy nel cane



Il Rescue Remedy è il rimedio più conosciuto tra i fiori di Bach. È talmente tanto famoso da aver portato molte persone a pensare che i fiori di Bach siano il Rescue Remedy, quando invece è solo uno dei 39 rimedi che il dottor Bach ha scoperto.

Deve la sua popolarità alla sua efficacia immediata. È stato creato per avere una azione veloce e quindi i suoi benefici sono facilmente riscontrabili.

Come suggerisce il nome, è un rimedio di emergenza, ovvero si utilizza in situazioni straordinarie in cui i nostri cani sono sopraffatti dalle emozioni (ad esempio quando hanno subito un incidente e sono molto spaventati, per supportarli nel risveglio dall’anestesia, se hanno perso un compagno di vita, ecc).

Nonostante sia molto conosciuto ed utilizzato per la sua azione ad ampio spettro, non è adatto ad ogni tipo di situazione. Se il mio cane ad esempio soffre di ansia da separazione, è depresso, è iperattivo, territoriale o possessivo, il Rescue Remedy non avrà alcun tipo di effetto perché all’interno della sua composizione non è presente alcun rimedio per queste specifiche emozioni.

Capita quindi, che il Rescue Remedy non funzioni. Semplicemente perché non è il fiore di Bach idoneo per quella data situazione.

Ma c’è anche un altro aspetto molto importante da conoscere di questa essenza floreale.

Vi faccio un esempio. Facciamo conto che Bulla, la mia cagnolina, sia terrorizzata dai rumori improvvisi.

Immaginiamo che, accidentalmente, mi scivoli qualcosa da mano che faccia un gran baccano.

La sequenza per la piccola Bulla sarà:

STIMOLO SPAVENTOSO -> TERRORE -> RESCUE REMEDY -> SI TORNA ALLA CALMA

Ogni volta che accadrà un evento simile, potrò aiutarla a ritornare in sé e rasserenarsi con il supporto del Rescue Remedy, ma non starò facendo nulla per aiutarla a risolvere realmente e definitivamente il suo problema.

Starò usando questo rimedio come un tappo per contenere una emozione che però, se il caso si ripropone, sarà pronta ad esplodere nuovamente.

 

Prediamo di nuovo ad esempio il caso di Bulla. Se si scelgono i rimedi giusti, la sequenza emotiva sarà:

ASSUNZONE DEI RIMEDI SPECIFICI -> STIMOLO DESTABILIZZANTE -> GRADUALE DIMINUZIONE DELLE REAZIONI

Nel tempo, la situazione che crea disagio verrà affrontata con un nuovo atteggiamento, fino a quando non creerà più destabilizzazione e Bulla vivrà serenamente i momenti in cui c’è un rumore forte.

Se il nostro cane ha spesso bisogno del Rescue Remedy, vuol dire che ci stiamo limitando ad aiutarlo a vivere meglio una crisi ma non lo stiamo supportando per vincere le sue difficoltà ed assicurargli quindi una vita serena.

Il vero beneficio del Rescue Remedy è quello di aiutarlo nel momento di crisi per essere poi dimenticato nel mobiletto perché le crisi non sussistono più grazie all’utilizzo dei rimedi specifici che migliorano della qualità di vita del nostro cane.

Per informazioni su una consulenza personalizzata, clicca qui.



32 risposte a “La verità sul Rescue Remedy nel cane”

  1. Patty ha detto:

    Ho una cagnolina di 9 mesi con me da 5 terrorizzata da rumori forti improvvisi. Persone con scatole o oggetti voluminosi in mano ecc ecc. Potrebbe funzionare?? Grazie tante

  2. Sara ha detto:

    Ho una bastardina di quasi sei anni..viaggiamo spesso con aereo e con l’avanzare dell’età comincia a crescere un po’ l’ansia dello stacco(viaggia in stiva)..aggiungo poi grande paura dei temporali..chiedevo un consiglio se provare con goccette di rescue remedy o con qualche fiore più specifico.grazie per l’attenzione.Sara

    • federica.roano ha detto:

      Salve Sara. Dipende molto da quale emozione prova la sua cagnolina. Il Rescue Remedy è un rimedio di emergenza, viene utilizzato nei momenti in cui ci sono picchi emotivi che portano a panico o perdita di controllo delle proprie emozioni. Se la sua cagnolina ha attacchi di panico, può usarlo al momento ma le consiglierei di lavorare per prevenire questi attacchi (tramite l’utilizzo dei fiori di Bach giusti). Se prova ansia invece il Rescue non è detto che sia utile dato che non è presente nessun rimedio sull’ansia. Per cui, anche lì, bisognerebbe valutare lo stato emotivo del suo cane per aiutarla. Se vuole maggiori informazioni può scrivermi a info@fioridibacheanimali.it.
      A presto!

  3. Daniela ha detto:

    La mia cagnolona non ama particolarmente i viaggi in auto. Piano piano si sta abituando ed è molto più tranquilla ma odia terribilmente le curve dove perdendo stabilità ed inizia ad agitarsi. Tra qualche settimana viaggeremo in montagna e vorrei che non provasse senso di agitazione durante il tragitto non in autostrada. Crede sia utile il rescue remedy? Grazie

    • federica.roano ha detto:

      Salve Daniela. Si, il Rescue può essere utile. Sarebbe però importante affrontare il discorso a monte, ciò aiutare il suo cane a vivere con più serenità anche le curve. Questo percorso si può affrontare con il supporto dei fiori di Bach ed è risolutivo. Per maggiori informazioni può scrivermi a info@fioridibacheanimali.it.

  4. Angelo ha detto:

    Salve, il mio pastore tedesco di 9 mesi, abbaia molto alle persone, e soprattutto ai suoi simili, a quanto pare è nun problema di mancata socializzazione, per via di problemi quando era cucciolo, tuttavia la sua è paura, incertezza, indecisione, tutto qui, cosa potrei usare come Fiore? Grazie mille

    • federica.roano ha detto:

      Salve Angelo. La paura dei propri simili e delle persone è frequente nei cani che da cuccioli hanno avuto qualche difficoltà. Come ha giustamente elencato lei, non si tratta solo di paura, ma di un mix di emozioni che lo portano a non interagire o interagire in modo sbagliato in alcune situazioni. I fiori di Bach sono 38 rimedi, tutti differenti tra loro ed ognuno lavora u una specifica emozione ed è per questo che per aiutare con questi rimedi il suo pastore tedesco si dovrebbe avere qualche indizio in più sulla sua storia e sul suo comportamento. Questo avviene in consulenza, al termine della quale avremo individuato i rimedi giusti per la situazione. Se vuole maggiori informazioni può scrivermi a info@fioridibacheanimali.it.
      A presto!

  5. ilaria ha detto:

    ciao, la mia Cloe continua a grattarsi dietro alle orecchie e a mordersri la zampina, secondo me e’ una forma di stress. Ha appena avuto 1 cucciolo, 3 nn ce l’hanno fatta… ha subito un parto con un cesareo di urgenza. Come posso utilizzare questo prodotto?

    • federica.roano ha detto:

      Salve Ilaria. Il leccarsi le zampe o grattarsi in modo ossessivo sono comportamenti che descrivono una profonda angoscia. L’esperienza di maternità può essere difficile anche per gli animali, è un processo delicato che va supportato con estrema cura e attenzione. Il Rescue può essere di aiuto ma non credo sia il rimedio giusto in questo momento. Credo che, data la delicatezza del momento, sarebbe il caso di creare una formulazione ad hoc. Ti allego un articolo che ti aiuterà a capire meglio cosa intendo: https://www.fioridibacheanimali.it/cosa-sono-i-fiori-di-bach-e-come-si-scelgono-quelli-giusti

  6. Daniela ha detto:

    Ho una cagnolina di 8anni che ha il terrore del temporale, appena sente un tuono trema e da forte segno di disagio, lo stesso vale per i fuochi d’artificio , anche se in modo minore. Può essere utile per tenerla un po più tranquilla in quei momenti? Grazie

  7. Michela ha detto:

    Buongiorno,
    Ho un chihuahua femmina di quasi 3 anni é sterilizzata da 2 e vive praticamente sempre con me giorno e notte. Pesa 2,7 kg ed è in buona salute. Sono spesso in giro e la più parte delle volte lei viene con me ma in aereo non mi sembra molto tranquilla. Non ama stare chiusa nel trasportino e quindi ho acquistato rescue tropfen per poterla aiutare durante il volo. Vorrei sapere il dosaggio e se posso somministrarglielo direttamente in bocca.
    Grazie mille per la sua eventuale risposta..
    Cordialmente Michela

    • federica.roano ha detto:

      Salve Michela.
      Il suo rimedio probabilmente proviene dalla Germania in quanto è la traduzione in tedesco del Rescue Remedy.
      Può aiutare molto la sua cagnolina ma le sconsiglio la somministrazione diretta in quanto il Rescue contiene troppo alcol. Le conviene invece acquistare una boccetta da 30 ml e riempirla d’acqua. Aggiunga alla composizione 4 gocce di Rescue e di questa soluzione somministri 4 gocce da quando inizia ad agitarsi, con una frequenza che lei stessa può decidere, in base ai risultati ottenuti.
      Se, alla fine del viaggio, è ancora agitata, continui la somministrazione fin quando lo riterrà necessario.
      A presto!

  8. Nicole ha detto:

    Buongiorno, ho da pochi giorni adottato un corso poco più di un anno e di 40 Kg. ben socializzato e compatibile con femmine e maschi. Dopo un viaggio pesante e lungo e’ arrivato da me, ma il primo approccio con la femmina di casa (in territorio neutro) anche lei un corso di 8 anni non e’ stato positivo, ma lui era stanco e stressato. Dopo 3 giorni di tranquillita’ sta uscendo il suo carattere dolce. Posso aiutarlo con fiori di Bach Rescue remedy? In quale dose e per quanti giorni? Mi faro’ anche aiutare da un educatore cinofilo. Grazie per la risposta.

    • federica.roano ha detto:

      Buongiorno Nicole.
      Il Rescue Remedy è un rimedio di emergenza e non so davvero dirle, con così poche informazioni, se può essere il rimedio giusto per la situazione.

  9. Nicole ha detto:

    Il cane è giovane ma arriva da una condizione di stress (prima canile, poi affido e infine adozione a 1000 km di distanza). Lo sto educando e sta diventando ubbidiente. Manca però ancora incontro con femmina con cui poi vivere insieme. Pensavo che il Rescue Remedy potesse aiutarlo in questi primi giorni di inserimento in famiglia. Soprattutto per riequilibrarlo.

    • federica.roano ha detto:

      Certo, può provare. E’ una situazione uova e complessa, può essere d’aiuto. Può diluire 4 gocce di Rescue Remedy in 30 ml di acqua e di quel composto dare 4 gocce 4 volte al giorno su qualche cibo che assorba. Se non dovesse essere sufficiente, si può valutare un mix personalizzato. In quel caso, può contattarmi via mail su info@fioridibacheanimali.it.
      A presto!

  10. Nicole ha detto:

    Grazie 1000 per la sua cortesia e disponibilità.

  11. Daisy ha detto:

    Salve, ho iniziato a dare il resque al mio cane di 5 anni preso dal canile da poco e molto molto timoroso, soprattutto nei confronti dei bambini. É in spray. A se lo metto nell acqua non beve. Posso spruzzarlo direttamente in bocca o sulle crocchette? In caso, in bocca, sono sempre 3 spruzzi?

  12. Alessia ha detto:

    Salve, il mio cane è un cucciolone di 18 mesi, incrocio tra un pastore tedesco e un maremmano. Con noi è dolcissimo, ma è molto territoriale (pure capirci, le persone non possono entrare in casa dal cancello se non lo teniamo al guinzaglio) e da dicembre dell’anno scorso (il suo primo capodanno) è terrorizzato dai botti e dai rumori del temporale. Oltretutto viviamo di una strada molto trafficata e lui è in perenne agitazione correndo dietro a biciclette, scooter e camion… Posso dargli il Resque Remedy o è consigliabile qualcos’altro? Grazie.

    • federica.roano ha detto:

      Buongiorno Alessia.
      Le razze di provenienza del suo cane spiegano molto bene il perchè dei suoi comportamenti. Maremmano e pastore tedesco hanno nel sangue gl atteggiamenti di cui lei parla (guardia, territorialità, ecc). La paura dei botti e dei temporali invece è una difficoltà soggettiva.
      Quindi, sono due aree di lavoro differenti. Per i botti può usare il RESCUE in questa modalità.

      Prendi una boccetta di vetro scura da 30ml e riempila d’acqua. Aggiungi 4 gocce di Rescue Remedy nella boccetta e somministrali (su un pezzetto di pane, una fetta biscottata, qualcosa che ne permetta l’assorbimento) 4 gocce 4 volte al giorno per un paio di mesi. Se vedi che alla fine dei due mesi è ancora un po’ spaventato, continua la somministrazione.

      Per le altre problematiche invece bisogna lavorare in modo mirato, scegliendo dei rimedi specifici.
      In quel caso, dobbiamo ragionarci bene su, non esiste un mix preconfezionato per queste tematiche ma un insieme di rimedi scelti in base al soggetto. Se vuoi maggiori info sulla selezione di questi rimedi scrivimi una mail a info@fioridibacheanimali.it.

      A presto!

  13. Simona Pradella ha detto:

    Buonasera, ho il mio piccolo gattino che purtroppo si sta spegnendo con un tumore molto invasivo, reni compromessi, non si scarica e stranamente ha ancora appetito..esiste un fiore che possa accompagnarlo in questo momento?… per me sicuramente il Rescue è un ottimo rimedio, non praticherò l’eutanasia, mi sembrerebbe di tradirlo, ma vorrei dargli tutto il sostegno possibile.
    Grazie infinite per il consiglio

    • federica.roano ha detto:

      Buongiorno Simona.
      Mi spiace risponderle solo ora. Spero di essere ancora in tempo per darle questo consiglio. Il Rescue Remedy è sicuramente è buon rimedio ma è molto generico, non tiene conto dello stato emotivo reale del suo gatto. In questo momento così delicato, sicuramente proverà preoccupazione, insicurezza e chissà quale altro stato emotivo.
      Ricordo come ieri la storia di Luna, una labrador anziana in preda alla paura di uscire dalla cuccia perchè le zampe le cedevano e cadeva spesso,sentendo dolore.
      Abbiamo lavorato con rimedi diversi dal Rescue ed è ritornata ad uscire dalla cuccia con serenità, trascorrendo gli ultimi mesi della sua vita in tranquillità sul prato di casa invece che tremante in un cuccia.
      Per cui, il mio consiglio è quello di selezionare bene i rimedi, con attenzione, così da sostenerla nel miglior modo possibile.
      Se vuole farlo, mi mandi una mail privata a info@fioridibacheanimali.it

      Una carezza al suo gattino

  14. Veronica ha detto:

    Buonasera ho un border collie di 2 anni e da quando ha subito intervento per asportazione dei testicoli xké ramificati all’intestino non riesco più a portarlo dal veterinario x essere visitato. Lui entra nell’ambulatorio se si avvicina x accarezzarlo ondargli il biscottino tt ok, nel momento in cui si avvicina con stetoscopio o altro scappa e abbaia e mostra i denti. Io non so più cosa fare x aiutarlo e mi e stato consigliato il Rescue Remedy x calmarlo. Secondo lei è possibile? Ed in che modo lo devo somministrare? Quanto tempo prima di una visita o vaccinazione? Grazie mille e buona serata.

  15. Loredana ha detto:

    Ciao,
    Il mio cagnolino soffre d’ansia da separazione e vorrei aiutarlo nel modo giusto, da quanto ho letto il Rescue Remedy non è il più adatto,
    Potrebbe indicarmi quale utilizzare e la posologia,
    Grazie

    • federica.roano ha detto:

      Salve Loredana. Nel suo caso il Rescue Remedy sembra il rimedio adatto!
      Le consiglio di usarlo però come trattamento continuativo piuttosto che darlo in modo situazionale, in quanto la sua è una paura dovuta ad un evento molto traumatico che si ripete nella sua mente ogni volta che si viene a creare un certo contesto (stetoscopio) che richiama quella forte emozione negativa.
      Quindi può riempire di sola acqua una boccetta di vetro scura da 30 ml e aggiungere 4 gocce di Rescue Remedy. La somministrazione è 4 gocce 4 volte al giorno. Le consiglio di somministarla per molto tempo (anche due mesi). Vedrà che andrà meglio.
      Un altro metodo di somministrazione sono i biscottini già attivati con il rescue remedy. Li trova qui: https://www.eatcleanitaly.com/prodotti (sono quelli rossi). Anche in quel caso la posologia è un biscottino 4 volte al giorno.
      A presto e ci faccia sapere come è andata!

    • federica.roano ha detto:

      Salve! Grazie per avermi contattata.
      Purtroppo l’ansia da separazione è una problematica molto diffusa nei cani.
      Sono animali sociali e per loro è stranissimo restare lontani dal gruppo di appartenenza. La domesticazione però comporta questa possibilità, quindi nonostante il legame tra noi, a volte capita che alcuni soggetti siano più fragili di altri rispetto a questo problema.
      Come avrà sicuramente notato confrontandosi anche con altri proprietari, non tutti i cani manifestano il disagio della separazione allo stesso modo: c’è chi distrugge casa, chi strappa oggetti di stoffa, chi ansima e cammina incessantemente per casa, chi ulula o abbaia.
      Il modo in cui si manifesta il disagio dipende da tanti fattori: la storia del cane, il carattere, il modo di affrontare le difficoltà. Ogni cane è un modo a sé, con le sue emozioni e il suo modo di vivere le situazioni.
      Per questo, nonostante a volte le manifestazioni di disagio siano simili, le emozioni coinvolte sono tante e diverse. Ad esempio, immagini che ci siano due cani che ululano quando vengono lasciati soli.
      La manifestazione è la stessa ma uni potrebbe farlo perché è insicuro e pauroso e un altro perché di fondo non sa gestire la noia e l’attesa.
      Questo si traduce in uno stesso comportamento, ma con cause diverse. E’ per questo che non esiste un unico rimedio per una difficoltà, ma un mix personalizzato che lavori sulle specifiche difficoltà di ogni singolo cane.
      I fiori di Bach sono tanti ed ognuno lavora su una specifica emozione, e la scelta dei rimedi corretti avviene tramite delle consulenze a distanza personalizzate.

      Se è interessata, le spiego come funzionano gli incontri.
      A presto!

  16. Eleonora ha detto:

    Buongiorno la mia cucciola yorky di due mesi appena sale in auto si agita grida e urla ho provato a tenerla in braccio e nel trasportino ma nulla cosa posso fare sono disperata anche perché non posso lasciarla sola in casa

    • federica.roano ha detto:

      Salve. Probabilmente per la sua cagnolina, andare in macchina è una situazione difficile da vivere. I fiori di Bach possono aiutare moltissimo in questa situazione. Se vuole maggiori informazioni sulla personalizzazione di una boccetta di trattamento, può scrivermi a info@fioridibacheanimali.it.
      A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *