LA VERITA’ SUL RESCUE REMEDY

Il Rescue Remedy è uno dei rimedi del sistema del Dottor Bach maggiormente conosciuto.

Si usa, come suggerisce anche il nome, nei casi di emergenza ovvero quei casi in cui siamo profondamente scossi da una certa situazione.

Per approfondire l’utilizzo del Rescue Remedy, leggi l’articolo.

Negli anni i fiori di Bach sono stati rappresentati nell’immaginario collettivo solo dal Rescue Remedy, al punto che diverse persone pensano che i fiori di Bach consistano esclusivamente in questo rimedio.

La sua popolarità deriva dall’immediato beneficio che apporta. E’ stato creato per avere una azione veloce e simultanea e quindi la sua efficacia è facilmente riscontrabile.

rescue remedy

Il Rescue Remedy aiuta in determinate situazioni ma non è la panacea di tutti i mali. Se soffro di nostalgia, mi sento depressa o sono iperattiva ad esempio, questo rimedio non mi darà alcun beneficio perché all’interno non è presente alcun fiore atto a lavorare su emozioni come queste. Lo stesso vale per i nostri animali. Se sono possessivi ad esempio, il rimedio non funzionerà.

Ma c’è anche un altro aspetto molto importante da conoscere di questa essenza floreale.

Facciamo conto che io assuma il Rescue Remedy già da diverso tempo. Semmai solo quando ne sento il bisogno (ad esempio prima di un esame, dopo una litigata, prima di un viaggio, ecc). In questo caso, sto utilizzando il rimedio come un tappo: sto male -> prendo il Rescue Remedy -> sto meglio. Sto facendo un pessimo lavoro su me stesso. Proprio perché questo rimedio si utilizza nei casi di emergenza e funziona solo quando è in atto una crisi, l’assunzione frequente del Rescue Remedy mi fa capire che non sto facendo nulla per migliorare la mia vita e che forse non sto crescendo. Semplicemente, tappo le emozioni con uno strumento qualsiasi.

La differenza tra gli altri fiori di Bach e il Rescue Remedy consiste nel fatto che i fiori lavorano su una specifica emozione indirizzandoci verso la nostra esclusiva e personale felicità. Il Rescue Remedy non favorisce una crescita personale ma aiuta a uscire da crisi profonde.

Il bisogno di assumerlo ci ricorda quali sono i nostri punti deboli su cui possiamo lavorare per trasformarli in qualità . Una volta usciti dalla fase acuta della crisi, possiamo valutare un lavoro mirato con gli altri rimedi del sistema del dottor Bach in modo da non arrivare più a vivere momenti così negativamente intensi.

Quindi il vero beneficio del Rescue Remedy è quello di aiutare nel momento di crisi per essere poi dimenticato sul comodino perché le crisi non sussistono più grazie ad un miglioramento di noi stessi.

Lo stesso vale, chiaramente, per i nostri animali.



4 risposte a “LA VERITA’ SUL RESCUE REMEDY”

  1. Massimo Peri BFRP ha detto:

    In effetti il rescue remedy è un mix di emergenza che ci aiuta nei momenti di crisi, ma vorrei sottolineare il fatto che il rescue è composto da cinque fiori che possono essere utili sia singolarmente che in conbinazione anche per lungo tempo. Se soffro per la morte di una persona cara, posso ad esempio pensare di farla finita anch’io perchè sono rimasto solo, la mente è come persa in fantasticherie e sogni ad occhi aperti di quando avevo vicino il mio caro, ho forti momenti di tensione, ho un dolore incolmabile al solo pensiero, vado in panico al solo pensare che dovrò cavarmenla da solo per il resto della vita. Se esaminiamo singolarmente i cinque fiori che compongono il rescuie, ecco che calzano molto bene per la situazione nella quale mi sono venuto a trovare e quindi dovrò lavorare per mesi con questi rimedi prima di trovare un pò di sollievo. Bisogna sempre valutare le disarmonie che emergono dalle singole situazioni che si presentano nel momenti della vita e ricordarsi che il Rescue è si un mix di emergenza ma i cinque fiori che lo compongono possono esserci utlli non solo nelle emergenze ma anche per disarmonie radicate.

  2. federica.roano ha detto:

    Sono d’accordo con te Massimo. Chiaramente chi conosce bene i fiori di Bach riesce ad analizzare singolarmente ciascun rimedio che compone il Rescue e valutare l’opportunità di crescita che ciascun rimedio offre. Questo articolo ha lo scopo di aiutare le persone meno esperte a capire quali sono le differenze tra il Rescue e i fiori e a dare risposta a quelle che si chiedono come mai il rescue a volte non funzioni.

  3. Laura. ha detto:

    Scusate…ma del 27% di alcool presente invece che mi dite? È molto…

  4. federica roano ha detto:

    Ciao Laura, questa è una ottima osservazione! E’ davvero tanto Brandy ed è per questo che, nel caso dell’utilizzo del Rescue Remedy, ci sono diverse opzioni di utilizzo sicuro:
    – puoi preparare una boccetta da 30 ml contenente solo acqua e 4 gocce di Rescue Remedy e somministrare all’animale 4 gocce di questa composizione ogni volta che serve
    – puoi riempire a metà un bicchiere d’acqua e mettere 4 gocce di Rescue e somministrare all’animale 4 gocce di questa composizione ogni volta che serve
    – puoi mettere 4 gocce di Rescue nella ciotola dell’acqua.

    In tutti i casi, la assunzione di alcool è davvero irrisoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *